Attendere prego...

Piscina Comunale San Sebastiano al Vesuvio

News Piscina Comunale San Sebastiano al Vesuvio

Tutte le News

Parla Pezzuti, l'uomo del mercato biancazzurro

News pubblicata il 05/09/2013
Da anni ormai è il General Manager della Carpisa Yamamay Acquachiara e braccio destro del Presidente Onorario biancazzurro Franco Porzio; Massimo Pezzuti anche quest'anno è stato la pedina fondamentale per il mercato del club napoletano: ha avviato le trattative e le ha condotte in porto. Dopo il colpo di Paolo De Crescenzo, sono arrivati dalla Pro Recco il gioiellino Stefano Luongo, attaccante classe '90 e campione d'Italia con i liguri, e Dragan Draskovic, montenegrino prelevato dal Budva con un passato tra le fila del Civitavecchia due anni fa.
Proprio Pezzuti ha parlato a ruota libera sul mercato di Carpisa Yamamay Acquachiara, delle napoletane e degli altri club italiani.

Stagione al via. Acquisti mirati per la carpisa yamamay Acquachiara che ha cambiato poco
"Si, abbiamo dovuto sostituire Tamas Marcz che ha intrapreso la carriera da allenatore ed avevamo necessità di un giocatore che potesse ricoprire quel ruolo; Stefano Luongo, che è stato il primo ad esprimere il desiderio di giocare nell'Acquachiara qualora non avesse giocato a recco, è l'uomo ideale per quella posizione. Si è aggiunta poi la defezione di Danilovic per scelta tecnica, non perchè avesse fatto male lo scorso anno; il nostro nuovo coach ha fatto richiesta di avere in rosa uno straniero che potesse ricoprire altri ruoli ed ecco che abbiamo optato per Draskovic"

Luongo in campionato lo abbiamo visto tantissime volte ed è una delle belle speranze della pallanuoto italiana. Puoi parlarci di Draskovic; che giocatore è?
"Draskovic è un giocatore eclettico: può marcare, giocare come secondo centro anche se le sue posizioni ideali sono 4 e 5. Inoltre abbiamo avuto delle ottime referenze direttamente dall'allenatore della nazionale del Montenegro. Per cui abbiamo fatto di tutto per poter soddisfare le richieste di Paolo De Crescenzo"

Già, Paolo de Crescenzo. Una trattativa portata avanti in prima persona; il tecnico ha subito accettato la vostra proposta...
"Il corteggiamento è iniziato ad inizio Agosto; dalla stampa sono venuti fuori nomi di altri tecnici ma Paolo De Crescenzo era il nostro unico obiettivo e solo lui doveva sciogliere la riserva. Alla vigilia di Ferragosto dopo esserci incontrati di persona, perchè fino a quel momento ci siamo solo sentiti telefonicamente, gli ho ribadito la nostra voglia di averlo in organico e lui ci ha comunicato di voler aderire al nostro progetto".

Come giudichi il mercato delle altre squadre? Che mercato è stato?

"Mi è piaciuto molto il mercato svolto dalle altre due squadre napoletane. Posillipo e Canottieri hanno acquistato giocatori di grande esperienza e qualità, i giallorossi, seppur formazione neopromossa, si sono mossi molto bene prelevando Brguljan, un giocatore con esperienza internazionale e reduce da una finale mondiale a barcellona, e  Fabio Baraldi, per me uno dei migliori centroboa italiani".

Mercato in uscita. Sono andati via due giocatori; gli altri hanno avuto richieste da altri club?
"Si, specialmente i nostri due centroboa sono stati contattati da altre società anche se di categoria inferiore ma con tante ambizioni. lo stesso Perez ha avuto dei contatti con altre formazioni ma il nostro progetto serio ed ambizioso ha fatto si che i nostri ragazzi accettassero senza batter ciglio di restare qui con noi in biancazzurro".

Che voto dai al mercato della Carpisa Yamamay Acquachiara?
"Abbiamo cercato di non stravolgere una rosa che nel finale dello scorso anno ha fatto bene e che ha imparato ad entrare nei giusti meccanismi. Abbiamo compiuto acquisti chirurgici con due atleti di grande valore ed uno dei tecnici più vincenti al mondo. Il voto che dò al mercato dell'Acquachiara è un bel 7 pieno".

Il prossimo anno sarà inserito qualche giovane proveniente dal vivaio nella rosa della prima squadra?
"Al momento molti nostri ragazzi, non solo provenienti dall'Acquachiara ma anche dalle nostre altre società Pomigliano e Cavasports, stanno svolgendo la preparazione atletica con la Serie A1; al termine della preparazione il tecnico De Crescenzo deciderà se qualcuno potrà essere in grado di far parte della rosa. Teniamo conto, però, che gran parte di questi frequentano ancora il liceo o gli istituti superiori, per cui è molto difficile che possano liberarsi e sottoporsi ai doppi allenamenti quotidiani della prima squadra; a questa età, 16-17 anni, gli studi devono avere la priorità su tutto, poi si vedrà...".
Verifica la validità di questo sito XHTML 2013 WebSite by Dynform.it   |   Design by Ricchi Amministrazione